Memoires de l’Academie Royale des Sciences contenant les Ouvrages – Cassini / Torricelli

2.000

Memoires de l’Academie Royale des Sciences contenant les ouvrages adoptez par cette Académie avant son renouvellement en 1699.

Opera in 6 tomi di incredibile rarità a trovarsi completa, stampata da Pierre Mortier ad Amsterdam nel 1736.

L’opera fu creata per rendere pubblici gli studi effettuati dall’Accademia Reale delle Scienze, raccogliendo in un’unica opera le memorie sulle scoperte effettuate, e che erano state pubblicate fino ad allora, spesso a titolo personale, dagli Accademici negli anni 1692 e 1693. L’Accademia Reale delle Scienze, creata da Colbert nel 1666, si dedicò da subito allo sviluppo delle scienze, e dal 1699 passò sotto la protezione di Luigi XIV.

Come si può intuire l’impegno profuso per realizzare una simile opera fu immane, ed infatti fu data alle stampe solo nel 1736. Il riordino delle memorie, la supervisione alla stampa e le correzioni furono affidate ai più grandi luminari dell’epoca, sotto la guida del Prof. De Gravelande. Ognuno di essi partecipò attivamente, con il proprio apporto nelle materie di competenza, alla realizzazione dell’opera.

L’opera, di carattere puramente scientifico, ci offre una visuale delle grandissime scoperte che caratterizzarono tutto il XVII secolo, dando vita alla rivoluzione scientifica che proprio in quel secolo stava gettando le proprie basi ed avrebbe cambiato il mondo.

1 disponibili

Categorie: , , Product ID: 1185

Descrizione

Memoires de l’Academie Royale des Sciences contenant les ouvrages adoptez par cette Académie avant son renouvellement en 1699.

Opera in 6 tomi di incredibile rarità a trovarsi completa, stampata da Pierre Mortier ad Amsterdam nel 1736.

L’opera fu creata per rendere pubblici gli studi effettuati dall’Accademia Reale delle Scienze, raccogliendo in un’unica opera le memorie sulle scoperte effettuate, e che erano state pubblicate fino ad allora, spesso a titolo personale, dagli Accademici negli anni 1692 e 1693. L’Accademia Reale delle Scienze, creata da Colbert nel 1666, si dedicò da subito allo sviluppo delle scienze, e dal 1699 passò sotto la protezione di Luigi XIV.

Come si può intuire l’impegno profuso per realizzare una simile opera fu immane, ed infatti fu data alle stampe solo nel 1736. Il riordino delle memorie, la supervisione alla stampa e le correzioni furono affidate ai più grandi luminari dell’epoca, sotto la guida del Prof. De Gravelande. Ognuno di essi partecipò attivamente, con il proprio apporto nelle materie di competenza, alla realizzazione dell’opera.

L’opera, di carattere puramente scientifico, ci offre una visuale delle grandissime scoperte che caratterizzarono tutto il XVII secolo, dando vita alla rivoluzione scientifica che proprio in quel secolo stava gettando le proprie basi ed avrebbe cambiato il mondo.

Analizziamo ora nel dettaglio il contenuto dei tomi:

Tomo I

Il primo tomo dell’opera è senza dubbio il più ricco e visivamente entusiasmante. Vi sono raccolti importanti studi anatomici su 32 animali esotici; per ogni animale studiato viene effettuata una schedatura di carattere zoologico, per procedere poi alla dissezione del cadavere, le cui osservazioni sono minuziosamente annotate e spiegate. 
Il testo è arricchito da tavole di incredibile bellezza, che raffigurano l’animale da vivo e successivamente vengono riprodotti gli organi più particolari emersi dalla dissezione.
La realizzazione delle acqueforti furono affidate a giovani incisori fiamminghi che sarebbero dovuti, da lì a poco, tra i più celebri incisori del XVIII secolo, confermando quindi il talento che traspare dall’incredibile qualità del loro lavoro. Possiamo citare quindi Jacob Folkeman (1692 – 1767), C.L. Duflos (1700 – 1786), che diventerà il più celebre incisore della sua famiglia, Pietro Tanjé di Amsterdam e A. Buyzen.

Gli animali esaminati sono i seguenti:

Leone
Leonessa
Camaleonte
Dromedario
Gazzella
Gattopardo
Squalo volpe
Lupo cerviero (antico nome della lince)
Castoro
Lontra
Zibetto Maschio e Femmina
Alce
Costi Mondi ( Nasua Narica)
Foca
Vacca di Barbaria
Cormorano
Camoscio
Porcospino ed Istrice
Scimmia Cappuccino
Cercopiteco
Cervo del Canada
Cerva di Sardegna ( errore dell’epoca in quanto è stato poi scoperto che l’esemplare raffigurato e studiato è in realtà una Cerva del Gange).
Faraona
Aquila
Gallus Indicus (specie non identificata dai medici ed ascrivibile al Crax Alector)
Otarda
Damigella di Numidia o Grus Virgo
Struzzo
Casuario
Grande Tartaruga delle Indie

L’opera termina poi con una Memoria sul Regno Vegetale.

Da non dimenticare la bellissima incisione in antiporta, dove il Duflos riproduce con estrema minuziosità una riunione dell’Accademia Reale delle Scienze, non tralasciando l’ambiente circostante dove si possono ammirare i principali strumenti scientifici appena scoperti nonché vari scheletri, umani ed animali.

Tomo II

Il primo argomento trattato nel secondo Tomo è l’Architettura, ed il celebre Architetto ed Urbanista Jacques-François Blondel presenta i principali problemi dell’architettura e le sue soluzioni.

Il libro prosegue poi con un trattato sui triangoli rettangoli in numeri e termina con un’interessantissima e copiosa sezione sui Quadrati Magici o Tavole Magiche, ricchissimo di tavole ed esempi.

Tomo III

Il terzo tomo contiene le memorie del matematico e fisico Gilles Personne de Roberval, le Osservazioni sulla composizione dei movimenti e sul metodo di trovare le toccanti delle linee curve.

Il tomo prosegue poi con un trattato sugli indivisibili, sui trocoidi e termina con due epistole di Evangelista Torricelli.

Tomo IV

Il quarto tomo raccoglie le memorie dell’astronomo Abate Jean Felix Picard, un vasto compendio di astronomia che, oltre alle misure della terra, espone i risultati di numerose osservazioni astronomiche da lui effettuate in varie località del Regno di Francia tra il 1679 ed il 1682.

Anche questo tomo è arricchito da numerose tavole esplicative delle misurazioni terrestri e degli strumenti relativi allora conosciuti.

Tomo V

Il quinto Tomo è decisamente molto importante in quanto raccoglie le memorie di Giovanni Cassini, matematico, astronomo, ingegnere, medico e biologo italiano naturalizzato francese. Fervente partigiano di Galileo Galilei, per timore di persecuzioni fu costretto ad accettare pubblicamente le tesi della Chiesa che volevano la terra al centro dell’Universo. Divenuto comunque uno dei più grandi astronomi dell’epoca, fu chiamato a Parigi per raggiungere l’Academie des Sciences, e lì rimase. Protetto direttamente da Re Sole, poté finalmente lavorare in libertà, arricchendo la scienza di grandi scoperte. Il tomo è infatti realizzato sulla base di queste scoperte, e viene spiegato, tra gli altri argomenti, l’uso dell’astronomia per la geografia e la navigazione.
Molto interessante anche la parte che riporta le tavole efemeriche solari osservate nel 1672 alle Isole Cajenne.

Il tomo termina con delle ipotesi sui satelliti di Giove, più volte osservato dall’astronomo.

Tomo VI

Anche il Tomo sesto è di carattere astronomico. Contiene infatti un trattato sui grandi e piccoli telescopi dell’astronomo Adrien Auzout, le osservazioni riportate da Giovanni Cassini in alcuni viaggi in Francia, Italia, Fiandre ed Olanda, e le osservazioni inviate all’Accademia Reale delle Scienze dalla Cina e dalle Indie.

Anno di pubblicazione: 1735-1736
Edizione: 1° edizione
Lingua: Francese
Editore: Amsterdam, Pierre Mortier
Legatura: Brossura editoriale.
Dimensioni: 29 × 22.5 cm

LIBRERIA ANTIQUARIA VERBANTIQUA
VIA DI GABBIANO 3
50038 SCARPERIA (FI)
TEL: 0558406700
verbantiqua@gmail.com

P.IVA 06216660487
C.F. FRTLNZ88S29D612E